Back to the Great Hall

Preferences: English | All Season

A Mosaic Story - Italian



Welcome to the Online Mosaic Story - Italian



Listed Below is the story so far. If you would like to contribute to it, click the Add to Story button below. If no one else is currently updating the story you will be brought to an input screen where you can add up to 255 characters. You will have 20 minutes to make your addition, after that the system will allow someone else to take your place at the writing desk and, if you have not submitted it, your input will be discarded. You can contribute to the story as many times as you like, however you will be prevented from making consecutive entries within an 8 hour period. At least one person has to contribute or 8 hour elapse before you can contribute again.

This story was created by participants of Winterfest, piece by piece to create the collective whole. Thanks to eveyone who contributed in the creation of such a wonderful story.

                                                                                                         

"Buona sera, mi chiama Catherine. Come stanno?" Catherine ha detto alle classe italiano. Ha desidrato studiare Italiano per molti anni. Finalmente, ha le occasione quando un Helper comincia insignare una classe Italiano al universita'.
"In italiano Catherine è Caterina," Giancarlo, l'insegnante, le spiegava, volgendosi poi alla ragazza seduta accanto a Catherine. "E tu, come ti chiami?" le chiede.
Nervosamente Jamie mormora, "Io mi kee-a-mo Jamie."
"Brava, ottima pronuncia, Jamie!" Giancarlo resta poi in silenzio un momento, e prosegue: "Ora, in italiano, vi racconterò come sono diventato un Helper, un Aiutante. Se non capite qualcosa, fermatemi e chiedetemi spiegazioni. Okay?"

Caterina era un po'preoccupata. Si chiedeva se lei potrebbe capire tutte le frasi della storia di Giancarlo. Ma lei ha ascoltato Giancarlo parlare lentamente. Giancarlo aveva lasciato l'Italia da qualche mesi. Era un insegnante di inglese a Roma. Ma a Catherine piaceva l’idea di imparare l’italiano ascoltando una storia interessante anziché studiando noiosamente grammatica e vocaboli. Vincent le aveva detto più volte di avere imparato le tante lingue che conosceva leggendo romanzi e poesie.

Pui’ tardi quelle notte, Caterina aspetando per Vicenzo sulla balcone. Lei vuole lo dire circa la sue classe italiano. Speciale la storia di Giancarlo. Mentre ha aspetato, comincia nevicare gentile. “Che bella!” ha esclamato.
Allora sentì una voce ben conoscuta : "Che bella che sei sulla neve..." e vide Vincent !
"Parli anche italiano ! È maraviglioso ! Ma quante lingue parli ?"
"Non le ho mai contate," Vincent rispose. "Ma parlare varie lingue è commodo, si possono leggere tutti i libri nella lingua originale. Petrarca, per esempio, ha scritto bellissimi poemi d'amore. Credo che ti piacerebbe leggere quelli in Italiano." "Sarebbe ancora più bello che tu lo legga ad alta voce per me!" “Porterò certamente il libro la prossima volta e lo leggeremo insieme. Ma ora non mi vuoi raccontare quello che vi ha detto Giancarlo? Quando Jamie è ritornata, ci ha detto che la sua storia è bellissima, e ancora più bella nella sua lingua melodiosa.”
"Si - una storia dolorosa ed intensa, un pò come quella di Brigit"
"Raccontami", disse Vincent. La neve aveva smesso di cadere, lasciando solo un velo leggero che imbiancava ogni cosa delicatamente. Guardando le luci della città, nitide e brillanti, Catherine cominciò a parlare.
"Giancarlo fu una volta un uomo di Chiesa. Ma trovò anche l'amore vero..." Caterina mormorò il resto : "...un amore impossibile".
Vincent guardò Catherine e vide nei suoi occhi le parole non dette. Dopo un breve silenzio, rispose: “Forse non impossibile... per lui. So che vi sono preti che hanno lasciato il ministero per seguire il cuore ed essere semplicemente... uomini”.
Giancarlo era uno di quei sacerdoti. Per seguire il suo cuore, ha tutto abandonnato. Ha perso il suo lavoro, ma ha guadagnato in cambio la libertà di vivere il suo amore con una donna. Successivamente, la storia è diventata tragica. Tuttavia lui non ha mai rimpianto questa scelta dolorosa. Si chiamava Stella. Anche lei era insegnante. Insegnava la matematica alla stessa scuola.
"Cos'è successo ?" Catherine non puo’ parlare per un momento luongo. Vincent le asciuga gentilemente e hanno abbracciato. È morta in un incidente automobilistico a poche settimane prima del loro matrimonio. Una grande disgrazia! Ecco perché ha voluto recarsi all'estero, fare qualcos'altro, incontrare altre persone. Andò a New York per una nuova vita ...
Catherine si interruppe e guardò Vincent curiosamente “…ma naturalmente tu sai già tutto questo!”
Vincent sorrise. “Sì, ma è bellissimo sentirlo raccontare da te in italiano”
“Oh… you!” esclamò lei.
“In Italian please… e sai come è divenuto un Aiutante?"
"Più o meno ! Questo è tutto che ho capito stasera : "Un altre Aiutante, anche un prete della chiesa di Santa Maria, li vede ongi giorno. Giancarlo sede in chiesa per ore fissa gli occhi addosso niente. Finalmente, Padre Marco comincia un conversazione con lui." E allora? chiese Vincente con un sorriso misterioso. Sapeva, naturalmente, la fine della storia. Ma essendo troppo felice di parlare un po’ più lungamente in italiano con Caterina, preferiva aspettare. Inoltre, voleva vedere se Caterina aveva compiuto progressi in italiano.
"Giancarlo ci ha detto che forse solo un altro prete avrebbe potuto capire fino in fondo il suo dramma. E Padre Marco non solo lo ha capito, ma non lo ha giudicato né condannato. E gli ha dato una speranza. È quello che tutti cerchiamo, Vincent, vero?"

"Verissimo. E quando c'è alcuna, la creiamo".
Aiutare gli altri per dimenticare il proprio dolore è il migliore camino da seguire per trovare la pace. Padre Marco era un Aiutante. Dopo un paio di settimane, ha presentato Giancarlo a Padre.
“Sono felice di sapere Giancarlo adesso ha una familia Sotto.” Ha detto Catherine. “La sua storia ha tocco la mia cuore!” Subito, Catherine ha avuto un’idea. “Vincent, come possiamo portare gioia nuovo nella sua vita?”
“Stando insieme a noi ha già cominciato a guarire” rispose Vincent. "Il calore dell’amicizia sta sciogliendo il gelo del dolore. Padre Marco gli ha affidato alcuni compiti nella sua parrocchia” Sorridendo continuò “e gli piace molto insegnare l’italiano” "Vincent, si potuto preparare un evento della comunità. Giancarlo potrebbe aiutare. Leggi poesie alta voce italiana, e lasciare che suo nuovo studenti di fornire traduzioni. Una sfida per noi di imparare rapidamente!" "Anche libretti d'opera possono aiutarci a ricordarci di... molto (anche se la lingua si è evolta un po)."
"Ma dimmi Vincent, che tipo d'evento ? A che pensi ?"

"Si, una festa italiana," ha detto. "Con cibo italiano delizioso. Giancarlo mostrara’ William da fare. Credo Padre Marco ha un cocollezione di musica italiana. Anche sara’ poesie in italiana da i bambini o qualcuno vuole italiano. Va bene?"


"Evviva! Come si dice in Italiano?... Non vedo l'ora?" disse Catherine battendo le mani. "Sarà una festa bellissima. E io porterò una cassa di barattoli di Nutella. Dopo il Colosseo e la Gioconda credo sia il capolavoro italiano più amato nel mondo!"
"Ebbene... Devin ha scritto che ha già pilotato una Ferrari..."